Dal 1867, Creatore-Produttore di Rose e Selezionatore di Piante & Accessori per Giardini
Servizio clienti +33 472 32 58 73
9-13 / 14-17
IT
Menu
Siete tantissimi ad ordinare le nostre piante ! Grazie a tutti voi ! Le tempistiche PER LA PREPARAZIONE degli ordini prima della spedizione SONO ATTUALMENTE DI 3/5 GIORNI LAVORATIVI. La consegna avviene dopo 2/5 giorni dalla spedizione. Torneremo presto alle tempistiche normali.

Peonie erbacee, peonie vivaci o Paeonia X lactiflora

La peonia lactiflora è una pianta vivace rustica e molto robusta, in grado di vivere molto a lungo (a volte quasi 100 anni !).

Le specie selvagge di peonie erbacee sono originarie delle zone temperate dell’emisfero Nord (America del Nord, Europa ed Asia) e vivono in ambienti molto differenti. Le varietà attuali che ne derivano hanno quindi una grande capacità di adattazione alle condizioni di coltivazione dei nostri giardini.

La vegetazione delle peonie erbacee è decidua : i getti nascono in prmaverz, si sviluppano fino alla fioritura per sparire completamente alla fine dell’autunno con l’arrivo delle prime gelate. Le foglie sono verde scuro e brillante e sono frequentemente tinte di rosso quando ancora giovani. Le peonie erbacce raggiunngono tra 70 e 100 cm di altezza al momento della fioritura che interviene a seconda delle varietà tra aprile e giugno.

I fiori sono semplici, semi doppi o doppi, nei toni del bianco, crema, rosa e rosso passando per tutte le sfumature intermedie possibili. La maggior parte delle varietà offrono poi un gradevole profumo.

 

Come e dove piantare una peonia erbacea

Come coltivare una peonia erbacea

A quali piante associare le peonie erbacee

Come e dove piantare una peonia erbacea

Le peonie erbacee, per la maggior parte delle peonie X lactiflora, sono vendute sotto forma di bulbi secchi, delle radice tuberose che servono da organo di riserva e munite di gemme.  Spesso viene posta la domanda « quando piantare una peonia » : il periodo migliore è tra settembre e maggio,  con una preferenza per l’autunno. La peonia lactiflora apprezza un terreno ricco e ben drenato, fresco d preferenza ; in posizione soleggiata per assicurare una fioritura abbondante anche se sopporta esposizioni leggermente ombreggiate.

Preparate con cura il luogo dove pianterete la peonia in quanto si tratta di una vivace robusta e molto longeva :

  1. Scavate in profondità  per eliminare le erbacce ed i grandi sassi. Allo stesso tempo  arrricchite il terreno con della materia organica (come del Lombricompost o del letame compostato).
  2. Effettuate una buca di circa 40 cm di altezza, larghezza e profondità , al fine di dissodare ed arieggiare il terreno aggiungendo anche del buon terriccio. Aggiungete poi della ghiaia e/o della sabbia i fondo alla buca per migliorarne il drenaggio.
  3. Riempite la buca fino ai tre quarti della profondità e posizionate il bulbo in maniera che le gemme siano interrate sotto 3/5 cm di terra al massimo. Una messa a dimora troppo profonda può compromettere la fioritura per molti anni.
  4. Provvedete a mettere un bastone o comunque un punto di riferimento per ricordarvi dove è sata piantata in quanto i rami cresceranno solamente in primavera. Riempite la buca ed annaffiate abbondantemente per compattare bene la terra. Se piantata tradivamente, ad aprile o maggio, la vegetazione riprenderà l’anno successivo.
  5. La fioritura interviene generalmente 2 anni dopo la messa a dimora.

Come coltivare una peonia erbacea

Piantata in buone condizioni la peonia erbacea non richiede cure particolari. Molto rustica (anche al di sotto di 15°C) è inutile proteggerla in inverno.

Un sostegno discreto intorno alle peonie erbacee evita che i rami ricadano in caso di intemperie spesso frequenti al momento della fioritura. È necessario sopprmere i fiori appasssiti per evitare che la pianta spenda energie per la produzione di semi. I rami potranno essere tagliati a partire dall’autuno, quando saranno secchi : anche se la vegetazione ferma la crescita a partire dal mese di maggio è importante che la pianta conservi una buona quantità di foglie affinché il bulbo possa ricostituire le riserve necessarie.

Il taglio dei fiori per la creazione di bouquet assomiglia ad una potatura. Fate attenzione quindi a lasciqre minimo 2-3 foglie sul ramo per non compremetterne lo sviluppo.

Come per la peonia arbustiva è bene conservare la fertilità del terreno intorno alla peonia erbacea grazie ad un apporto annuale di materia organica (come del Lombricompost o del letame compostato) da spargere intorno alla pianta in autunno.

Una volta ben radicata è in grdo di resistere perfettamente all’aridità estiva in quanto in periodo di riposo. Ciononostante le giovani piante hanno bisogno di innaffiature abbondanti durante i periodi più secchi, durante il periodo ciè in cui formano le radici.

Per una fioritura abbondante delle peonie erbacee non è indispensabile dividere regolarmente i bulbi. Per moltiplicare la peonia o trapiantarla il periodo migliore è tra settembre e ottobre. Rimuovete delicatamente la pianta dal terreno e separate le radici tuberose in porzioni che abbiano almeno 2-3 gemme. Lasciatele seccare per qualche ora all’ombra prima di ripiantarle procedendo seguendo la procedura di una normale essa a dimora.

A quali piante associare le peonie erbacee

Sono splendide piantate isolatamente ma anche in gruppo di diversi tipi o varietà per approfittare di fioriture prolungate. Emblemetiche dei giardini inglesi si associano armoniosamente ad una lunga lista di piante vivaci come margherite, gagliarde, astri, hemerocallis, rudbeckias, garofani, gaura, delphiniums, ecc.

Le peonie erbacee forniscono eccellenti fiori recisi per la creazione di splendidi bouquet che vengono tagliati quando il fiorie è ancora allo stadio di bocciolo in fase di apertura. Se coltivate per i fiori recisi sarà allora meglio piantarle in un angolo del giardino in cui la pianta sguarnita dei fiori non sarà troppo in vista.

 

Buono a sapersi

Le peonie erbacee sono coltivate da sempre. Le peonie X lactiflora derivano da un lungo lavoro di ibridazione e selezione iniziato nel XIX° secolo con l’arrivo delle specie asatiche. Celebri vivaisti francesi come Calot, Crousse, Dessert o il prolifico Lemoine creano le varietà tipiche che coltiviamo ancora ai giorni nostri come Noémie Demay (1867), Sarah Bernhardt (1907), Felix Crousse (1881), Festiva Maxima (1851), ecc.

Ancora oggi nuove varietà nascono un po’ ovunque nel mondo.

Ritrovate altri consigli per coltivare le peonie:

Newsletter Meilland Rosai e Piante

Non lasciarti sfuggire le ultime promozioni e novità