Dal 1867, Creatore-Produttore di Rose e Selezionatore di Piante & Accessori per Giardini
Servizio Clienti +33 472 32 58 73
Chiamata verso la Francia. Lunedí/venerdí 9/13 - 14/16
IT
Menu
Menu
Tutte le nostre offerte nella vostra casella di posta ogni settimana: ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER !
Servizio Clienti +33 472 32 58 73
Chiamata verso la Francia. Lunedí/venerdí 9/13 - 14/16
IT

Lavanda: consigli di coltivazione

Profumo di Provenza! Emblematica dei giardini mediterranei, la lavanda, o Lavandula in latino, è molto apprezzata per la facilità della coltivazione, per la fioritura profumatissima e per il fogliame sempreverde e aromatico. Le varietà oggi coltivate derivano dalla lavanda vera (Lavandula angustifolia), dal lavandin (Lavandula x intermedia) e dalla lavanda farfalla (Lavandula stoechas).

Ci siamo, le cose si complicano? Niente panico, ti spieghiamo tutto noi!

- Conoscere la lavanda
- Come piantare la lavanda
- Come coltivare e potare la lavanda
- Quali piante associare alla lavanda
- Come utilizzare i benefici della lavanda

Conoscere la lavanda

Appartenenti alla famiglia delle Lamiaceae, le lavande sono sottoarbusti perenni originari del bacino del Mediterraneo. Hanno un buon profumo di Provenza! Il loro nome latino Lavandula deriva dall'antico italiano lavando (azione di lavare) perché i suoi fiori sono stati a lungo usati per profumare il bucato.

La più conosciuta è Lavandula angustifolia, la lavanda officinale detta anche lavanda vera. Abbastanza compatta, fiorisce in giugno-luglio in spighe strette e corte. I suoi fiori blu lavanda, viola, bianchi o rosa, a seconda della varietà, sono molto profumati. Il lavandino, denominato Lavandula x intermedia, è più vigoroso ed i suoi fiori, raccolti in spighe più lunghe, sono più ricchi di olii essenziali. La Lavanda Grosso è una varietà di lavandino. Questi due tipi di lavanda fioriscono tra giugno e agosto, le varietà più recenti sono rifiorenti e portano fiori fino ad ottobre!

Più originale, la lavanda farfalla, in latino Lavandula stoechas, si distingue per le sue brevi spighe sormontate da una sorta di petali a ciuffo che ricordano le farfalle. Se è un po' meno profumata, ha il vantaggio di essere precoce e di rifiorire a fine estate, cioè una fioritura scaglionata da aprile a settembre. Originariamente blu viola, ora è disponibile in molti colori.

Tutte hanno un fogliame sempreverde: le loro foglie più o meno allungate sono colorate dal verde grigiastro al grigio argenteo a seconda della specie e della varietà. La loro vegetazione arbustiva (a forma di piccolo arbusto) è compatta e molto ramificata. La loro altezza varia dai 30-40 cm per le più compatte fino a 1 m per le più vigorose! Tutte le lavanda sono mellifere: attirano in gran numero api, bombi e farfalle. Il miele di lavanda è ricercato per il suo sapore particolare.

Lavanda farfalla THE PRINCESS ® Lavender
Lavanda Grosso
Lavanda vera o Lavandula angustifolia Ellagance Snow

Come piantare la lavanda

Facile da coltivare, la lavanda ama il sole, i terreni ordinari, anche poveri, asciutti e calcarei, ben drenati soprattutto nei climi freddi. Solo la lavanda farfalla preferisce un terreno più ricco di humus, da neutro ad acido, sempre ben drenato. Cresce bene anche in vaso, in una miscela di ½ terra da giardino) e ½ terriccio di buona qualità, integrato con qualche manciata di materiale drenante come pozzolana, ghiaia, cocci, ciottoli, argilla espansa, ecc. La lavanda può essere piantata tutto l'anno, tranne nei periodi di gelo o di siccità, con preferenza per la primavera nelle regioni fredde e umide.

Come piantare con successo la lavanda in 5 passaggi:

  • Scavare a una profondità di circa 40-50 cm per allentare bene il terreno. Se necessario, migliorate il drenaggio e aggiungete un po' di concime organico come il vermicompost per favorire il recupero.
  • Immergete il vaso di lavanda in un secchio pieno d'acqua per 10-15 minuti, in modo che il suo substrato sia ben idratato. Nel frattempo, scavate una buca leggermente più grande del volume delle radici.
  • Svasare la lavanda, quindi piantare semplicemente nel terreno, posizionando la zolla della pianta in modo che la parte superiore sia a filo con il livello naturale del terreno.
  • Innaffiate abbondantemente.
  • Fatto ! Tagliate leggermente se necessario, giusto per accentuare la forma naturale della lavanda.

Come coltivare e potare la lavanda

La manutenzione ordinaria della lavanda è molto limitata. Le piantagioni recenti apprezzano alcune annaffiature nei periodi di siccità almeno il primo anno. Dopo, le lavande saranno abbastanza radicate per resistere alla siccità. La lavanda farfalla sarà più fiorifera se beneficia di annaffiature nei periodi di siccità, anche una volta ben stabilizzata.

La cura principale della lavanda è la potatura! Facile, si realizza idealmente in 2 fasi. Intervenire al momento della fioritura per raccogliere gli steli fioriti, o non appena le spighe iniziano ad appassire. Tagliare i gambi dei fiori, rimuovendo contemporaneamente da 1/4 a 1/3 del fogliame. Potata in questo modo, la lavanda ha il tempo di ricrescere prima dell'inverno, o addirittura di rifiorire per le varietà recenti e rifiorenti! A marzo potate la lavanda più leggermente, giusto per regolarizzarne la forma.

Approfittate della potatura di marzo per spargere qualche manciata di concime organico tipo vermicompost.

Quali piante associare alla lavanda

Se la lavanda è tradizionalmente piantata in bordure e siepi basse, è adatta anche per piantagioni isolate, sufficientemente distanziate tra loro per strutturare aiuole e bordure più larghe. Naturalmente, sono adatte per terrapieni e giardini rocciosi in uno spirito "garrigue".

Non esitate a mescolare tra loro i diversi tipi di lavanda, e anche ad associarli ad altre piante come il rosmarino, la salvia officinalis, il timo, senza dimenticare il pitosforo e l'alloro (Viburnum tinus) per formare volumi più grandi. Quindi portate un contrasto di trame con piante leggere come graminacee, gaura, verbena di Buenos Aires, agapanti, ecc.

La lavanda è una delle scelte migliori per accompagnare le rose, in quanto il suo aroma respinge gli insetti nocivi, compresi gli afidi. Tutti i colori delle rose si abbinano ai toni della lavanda, quindi divertitevi a comporre audaci contrasti con i toni del rosso, dell'arancio o del giallo o graziose sfumature con il rosa pallido, il malva e il bianco!

Agapanti blu, Agapanthus umbellatus o A. africanus
Rosmarino
Viburnum Tino Gwenllian

Come utilizzare i benefici della lavanda

Le lavande più profumate (Lavandula angustifolia e Lavandula x intermedia) sono ovviamente da preferire. In estate, tagliate i gambi della lavanda per formare dei mazzi. Appenderli a testa in giù al riparo dalla luce in una stanza ventilata per asciugarli. Utilizzate i fiori di lavanda per farne delle bustine o componete dei piccoli bouquet da riporre direttamente negli armadi in modo che profumino il bucato e respingano le tarme. Il profumo della lavanda ha proprietà lenitive e rilassanti, puoi posizionare piccole bustine sotto il cuscino per trascorrere dolci notti profumate.

La lavanda si usa anche in cucina e valorizza molte ricette! In insalata, nel gelato, in una torta, i suoi fiori esaltano piatti un po' insipidi. Fate attenzione alle quantità perché il suo gusto è pronunciato, è importante consumarlo con moderazione. 

Newsletter Meilland Rosai e Piante

Non lasciarti sfuggire le ultime promozioni e novità