Dal 1867, Creatore-Produttore di Rose e Selezionatore di Piante & Accessori per Giardini
Servizio clienti +33 472 32 58 73
9-13 / 14-16
IT
Menu
APPUNTAMENTO A FINE LUGLIO PER LA NUOVA COLLEZIONE E TUTTE LE NOVITÀ DELL’AUTUNNO / INVERNO 2021

Alberi da frutto nani, che cosa sono, come piantarli, potarli e curarli

Che bella idea poter coltivare alberi da frutto nani nel vostro piccolo giardino o in grandi vasi sulla terrazza o sul balcone! Ma cosa sono esattamente ? Gli alberi nani sono fragili ? Sono produttivi ? Come si pianta un albero da frutto nano ?  Come devo potarlo ? Trovate tutte le risposte alle vostre domande grazie alla competenza dei nostri giardinieri specializzati.

Cos'è un albero da frutto nano?

Le nostre varietà di alberi da frutto nani sono state create e selezionate in virtù della crescita misurata e della naturale compattezza, senza sacrificare la capacità di produzione. Non sono varietà innestate su un portainnesto nano o trattate con un prodotto che ne rallenterebbe artificialmente lo sviluppo. A seconda della potatura applicata, crescono come un cespuglio molto rigoglioso o  come un piccolo albero con un tronco corto.

A seconda della varietà, gli alberi da frutto nani sono venduti senza zolla (radici nude) e in riposo vegetativo o in vaso. Sono più o meno ramificati al momento della consegna. Vi offriamo diverse varietà di alberi da frutto nani:

Albicocco nano GARDEN APRIGOLD ®

Pesco noce nano RUBIS ® Necta Zee

Ciliegio nano CHERRY BABY ® "Porthos" gamma FRUITALITY ®

Ciliegio nano GARDEN BING ®

Fico Nano FIGALITY ® Gamma FRUITALITY ®

Pesco nano CRIMSON ® Bonfire

Pero nano GARDEN GEM ® Pyred

Susino nano GOLDUST ® Courod

La produzione di frutta richiede in media dai 2 ai 5 anni, a seconda della varietà. La pazienza del giardiniere è sempre premiata! Nonostante il loro piccolo sviluppo, questi alberi nani producono  frutti in abbondanza senza bisogno di molta manutenzione in quanto sono tutti autofertili !

Grazie al loro sviluppo moderato, questi alberi da frutto nani sono perfetti nei piccoli giardini, cosí come in quelli più grandi. Piantate gli alberi da frutto nani come esemplare singolo, in frutteti, siepi di frutta, bordure di orti, aiuole fiorite, ecc.

Crescono molto bene anche in grandi vasi di almeno 50 cm di profondità e 50 cm di diametro. Ideali per coltivare alberi da frutto anche senza giardino, sulla vostra terrazza o sul balcone!

CHERRY BABY ® ‘Porthos’

Quando e come piantare un albero da frutto nano ?

Quando e come piantare un albero da frutto nano ?

Come per gli alberi da frutto convenzionali, è meglio piantare alberi da frutto nani tra metà novembre e metà marzo. Piantarli successivamente è possibile, ma richiede maggiore attenzione (irrigazione, ecc.). Per quanto possibile, preparare il terreno in anticipo : ammorbidire il terreno, mettere letame, concime, compost o fertilizzante a seconda delle necessità. I requisiti specifici di ogni specie di frutta li trovate nella loro scheda tecnica. Ecco i consigli più importanti:

  1. Scavate una buca di almeno 50 cm di diametro e 40-50 cm di profondità. Rimuovere le pietre di grandi dimensioni, le radici e i resti di vegetazione. Mettete un fertilizzante organico (lombricompost e cornunghia) sul fondo della buca e mescolatelo bene con la terra sul fondo. Coprite con uno strato di terra di 15-20 cm in modo che le radici non vengano a contatto con il fertilizzante.
  2. Tagliate le punte delle radici  degli alberi a radice nuda, poi pralinate le radici. Per gli alberi consegnati in vaso, immergete l’albero per qualche minuto in un grande secchio d’acqua per ben impregnare la terra d’acqua.
  3. In caso di vento, piantate ben saldo un tutore e posizionate il vostro albero nano con il colletto a livello del terreno contro di esso. Il colletto corrisponde alla zona di transizione tra le radici (che sono nel terreno) ed il tronco dell'albero (che è fuori dal terreno). Si riconosce dalla diversa colorazione della corteccia, e spesso corrisponde al punto di innesto dell'albero (il rigonfiamento alla base del tronco). Per gli alberi in vaso, la parte superiore della zolla deve essere a livello del terreno.
  4. Riempite la buca con il terreno estratto ben sbriciolato, migliorato con un po' di terriccio. Formate una conca per poter innaffiare.
  5. Annaffiate abbondantemente (15-20 litri d'acqua) per compattare naturalmente il terreno intorno alle radici. Una fitta pacciamatura alla base del giovane albero mantiene in modo naturale l'umidità del terreno e impedisce la crescita di erbe indesiderate.

Come piantare un albero da frutto nano in un vaso ?

Scegliete un contenitore abbastanza grande, alto almeno 50 cm e largo almeno 50 cm, forato per garantire il drenaggio dell'acqua. Assicurare un buon drenaggio e collocate sul fondo del contenitore da 5 a 7 cm di sfere di argilla espansa, pozzolana, frammenti di ceramica, ghiaia o altro materiale drenante. Poi riempitelo con una miscela di terriccio "fatto in casa" composta per metà da terra da giardino e per metà da terriccio . Procedere come per la messa a dimora in piena terra.

 

Bisogna potare l’albero da frutto nano durante la messa a dimora ?

Sì, è essenziale per garantire il buon recupero e lo sviluppo futuro degli alberi consegnati a radici nude. La giovane piantina che avete ricevuto deve solo essere potata per ramificare correttamente e crescere armoniosamente. A seconda della varietà, il giovane albero viene potato più o meno severamente:

  • A 15-20 cm da terra se si vuole ottenere un cespo (più tronchi dello stesso ceppo). Particolarmente bello e adatto per gli alberi nani coltivati in vaso!
  • A 30-35 cm da terra se si vuole ottenere un mini-alberello.

Alcune piante vengono consegnate già ramificate o con l'aspetto di un cespuglio. In questo caso, basta ridurre il volume dei rami di circa un terzo e rimuovere gli steli danneggiati o fuori posto.

E se non potate durante la messa a dimora ?

È fortemente sconsigliato! I nostri alberi da frutto nani hanno abbastanza forza per crescere senza potature, ma la crescita è spesso meno vigorosa e meno equilibrata. A lungo andare, poiché non attecchiscono bene, gli alberi da frutto nani diventano più sensibili ai rischi climatici, alle malattie o agli attacchi di parassiti e possono morire.

Come potare un albero da frutto nano ?

La potatura per la messa a dimora è essenziale e indispensabile per garantire uno sviluppo ottimale e armonioso dell'albero da frutto nano. La potatura non è essenziale per una buona fruttificazione, ma permette solo di mantenere l'albero da frutto nano in una proporzione ragionevole e con una forma piacevole.

-       Il primo anno: sui rami potati si sviluppano nuovi germogli. Lasciate che si sviluppino e mantengano i 3 o 4 germogli meglio distribuiti.

-      Il secondo anno: a febbraio-marzo, potare leggermente i rami nati l'estate precedente per farli diramare. Tagliare da un terzo  fino a metà della loro lunghezza.

-      Gli anni successivi: è sufficiente effettuare una potatura di equilibrio e rimuovere eventuali rami morti.

Come coltivare un albero da frutto nano ?

Come per qualsiasi pianta, rispettate i consigli di manutenzione di base : irrigazione, concimazione, protezione sanitaria.

Innaffiate abbondantemente ma senza eccedere il vostro albero nano, facendo in modo che la terra rimanga sempre un pò bagnata. In piena terra, innaffiare abbondantemente da 10 a 15 litri d’acqua  ogni 10-15 giorni è di solito sufficiente.  In vaso, la terra non deve mai asciugarsi del tutto. Innaffiate dunque da 1 a 3 volte a settimana a seconda delle condizioni meteorologiche.

Ogni autunno, spargere letame organico (lombricompost e/o cornunghia)  o del concime specifico per alberi da frutto coltivati in piena terra. Per quelli coltivati in vaso, a causa del volume limitato di terra e delle innaffiature, il terreno si prosciuga più velocemente. Concimare più regolarmente, una volta al mese o ogni due mesi, con un concime speciale per alberi da  frutto.

Un albero da frutto nano correttamente nutrito e annaffiato è più resistente alle malattie e ai parassiti. Come misura preventiva, vi consigliamo di applicare un trattamento fungicida in autunno quando le foglie cadono e in primavera dopo la potatura e prima della fioritura. Per il suo ampio spettro d'azione e le sue proprietà battericide, la miscela bordolese è ideale, avendo cura di rispettare il dosaggio e le precauzioni d'uso indicate sulla confezione. Completare l'azione fungicida della miscela bordolese spruzzando un trattamento insetticida a base di olio durante l'inverno, chiamato trattamento invernale. Questo è il modo migliore per eliminare le larve e altre forme di insetti parassiti come cocciniglie o afidi.

Newsletter Meilland Rosai e Piante

Non lasciarti sfuggire le ultime promozioni e novità